La Vignarola: qualcosa di sano di campagna

Resta a casa – Romamirabilia sta arrivando da te!

Vignarola e i Castelli Romani

I romani aprono la stagione primaverile con l’antipasto Vignarola, perché utilizzano come ingredienti solo verdure tipiche di stagione: carciofi, fave (fave grandi) e piselli. La Vignarola è l’ideale per tutti coloro che desiderano un piatto equilibrato, leggero e sano.
Come puoi vedere dal nome (anche se non parli italiano), ha qualcosa a che fare con “vino” (vino) o “vigna” (vigneto). La tradizione vuole che siano stati i vignaioli a trasformare queste verdure, che avevano coltivato loro stessi, in un piatto speciale. Altre storie raccontano che il nome derivi dal fatto che carciofi, piselli e favette furono piantati tra i vigneti decenni fa. Vignaroli era gente che vendeva frutta e verdura al mercato.
In ogni caso, questo antipasto ci porta nelle regioni vinicole di Roma, come i Castelli Romani, dove sono di casa uve locali come il Frascati, il Bellone o la Malvasia.
I Castelli Romani sono facilmente raggiungibili da Roma in auto in soli 40 minuti, e consigliamo a chi non è ancora stato lì di farci una gita. La viticoltura qui risale a tempi antichi e che questo luogo è stato abitato 2000 anni fa, numerosi resti archeologici dimostrano oggi. Prima dei tempi antichi, i Castelli Romani erano un’area vulcanica e questo terreno ricco di lava conferisce alla viticoltura qui un tocco molto speciale oggi.
La meta escursionistica più famosa dei Castelli Romani è il paese di Frascati con le sue numerose ville del XVI e XVII secolo e il comune di Castel Gandolfo, residenza estiva dei Papi. Una passeggiata lungo il Lago Gandolfo, la cui forma ricorda ancora un cratere vulcanico, può essere annoverata come una delle esperienze più belle durante una visita a Roma.

Se fai un’escursione con noi, ti porteremo ovviamente anche all’una o all’altra cantina e agli agricoltori locali e ti mostreremo dove mangiare il miglior Vignarola.

Solo così apprezzerai la genuinità di questo piatto, che ovviamente potrai provare anche in molti ristoranti di Roma.

La ricetta

Gli ingredienti per 6 persone:

400 g di piselli
600 g di fave
3 carciofi grandi

2 cipollotti grandi
1 spicchio d’aglio
mezza insalata romana (lattuga)
per il brodo: 2 carote, 2 pomodori, gambi di carciofi, 1 cipolla

Pecorino (intero)
100 g di guanciale (pancetta)
Olio, sale, pepe

Preparazione

Come mostrato nel video, liberate i carciofi dal guscio esterno fino a che non avrete raggiunto il “nocciolo” morbido. Rimuovere la parte superiore e lo stelo e tutte le parti dure. Tagliate il carciofo in 4 pezzi e poi mettetelo in una casseruola con acqua e limone.
Liberare le fave dal baccello.
Preparare il brodo vegetale con gli ingredienti sopra indicati.
Rosolare la pancetta in una padella e poi aggiungere le cipolle con 2 cucchiai di acqua tiepida. Marrone dorato arrostito. Quindi aggiungere i carciofi con 2 misurini di brodo e cuocere fino a quando i carciofi non saranno morbidi (circa 20 minuti). Quindi aggiungere i piselli, le cipolle, le fave e la lattuga e cuocere per altri 20 minuti a fuoco lento. Aggiungi un po’ di boullion se necessario.

Servire con 2 fette di pecorino e crostini di pane con olio e pepe. E un bicchiere di fresco vino Frascati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Raccomandato da: